MotoGp, Lorenzo boom al Mugello: “la Ducati non mi ha creduto, adesso è troppo tardi per il rinnovo”

Jorge Lorenzo ha confermato dopo la vittoria al Mugello che lascerà la Ducati, tra sette giorni il maiorchino svelerà la sua prossima destinazione

Una pazzesca doppietta, un trionfo in rosso che trasforma il Mugiallo in… Murosso. La Ducati fa la voce grossa, Jorge Lorenzo vince il Gp d’Italia, precedendo sul traguardo il compagno di squadra Andrea Dovizioso e la Yamaha di Valentino Rossi.

jorge lorenzo
AFP PHOTO / JEAN-FRANCOIS MONIER

Una prestazione pazzesca quella del maiorchino, che porta a 24 il numero di vittorie ottenute rimanendo al primo posto dall’inizio alla fine, un numero clamoroso che comunque non gli farà cambiare idea sul suo futuro: “Non ho mai mollato, ho molto orgoglio e ho vissuto momenti duri. Non ero abituato a finire dietro, ma ho sempre pensato di poter vincere con la Ducati” le parole di Lorenzo a Sky Sport MotoGp. “Quindici anni fa dicevo a mio padre che avrei potuto vincere con la Derbi in 125 ma lui non ci credeva, poi gliel’ho dimostrato tagliando per primo il traguardo. Con la Ducati è la stessa cosa, sapevo che ci voleva tempo ed è un peccato che la squadra mi abbia dato questi pezzi adesso perché avrei potuto vincere molto prima, se la moto fosse stata quella di oggi. Adesso però è inutile parlare del passato, sono felicissimo di vincere al Mugello con la Ducati, questa sera ci divertiamo e sfruttiamo questo momento al massimo perché era un mio sogno.

jorge lorenzo
/ AFP PHOTO / TIZIANA FABI

Rinnovo? Adesso è troppo tardi, se i pezzi di oggi li avrei avuti mesi prima, sarebbe stato tutto diverso. Se avessero creduto in me sarei rimasto, ma ora è troppo tardi. La sincerità è uno dei miei pregi, io non cerco mai scuse. Quando sbaglio lo dico, così quando faccio bene. Se dico una cosa è perché la penso, non è una scusa. Molta gente pensava che cercassi scuse, quando ho avuto i pezzi e mi son trovato comodo ho dimostrato di cosa sono capace. Gigi e gli ingegneri hanno provato a darmi una moto che si avvicinasse al mio stile, in qualche aspetto ci sono riusciti ma in altri no. La volontà c’è stata, ma casualmente l’ultimo pezzo che mi serviva è arrivato qui e ho vinto. La Ducati ha fatto un investimento molto grande, non mi sono mosso per soldi ma per vincere con un’altra moto. Non ci sono riuscito perché è mancata un pochino di fiducia con Gigi, ugualmente penso che avrebbero voluto che rimanessi. Dove vado? Tra sette giorni saprete“.

LA RISPOSTA DI DALL’IGNA >>> MotoGp – Dall’Igna risponde a Lorenzo: “non gli ho creduto? Ecco il mio pensiero”

LEGGI ANCHE >>> MotoGp – Lorenzo-Ducati, dopo la vittoria al Mugello cambia tutto? Domenicali sicuro: “non c’è niente di deciso!”