Svolta storica per l’Arabia Saudita, le donne possono guidare! L’omaggio della F1: Aseel Al Hama in pista sulla Renault [GALLERY]

  • Photo4 / LaPresse
  • Photo4 / LaPresse
  • Photo4 / LaPresse
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
  • LaPresse / AFP PHOTO / FAYEZ NURELDINE
/
SportFair

Le donne possono guidare anche in Arabia Saudita: la F1 ha voluto omaggiare il nuovo decreto permettendo ad Aseel Al Hama di guidare una Renault prima del GP di Francia

Dalla mezzanotte del 24 giugno, anche in Arabia Saudita è stato concesso alle donne il diritto di guidare. Allo scoccare delle 00.00 infatti, è caduto il divieto che rendeva il KSA l’unico stato al mondo ad impedire alle donne di poter guidare un mezzo. Fino ad oggi infatti, le donne dovevano ricorrere ad un uomo per poter compiere azioni basilari come andare a lavoro o accompagnare i figli a scuola. Una svolta storica promossa dal principe ereditario Mohammed bin Salman, fautore di diversi cambiamenti tendenti ad un’apertura sociale ed ideologica, riguardanti diversi aspetti della società e della cultura araba. Anche la F1 ha voluto omaggiare tale decreto permettendo ad una donna araba, Aseel Al Hama, di poter guidare una Renault prima del GP di Francia.