Ue: Lapucci (Efc), su filantropia più dialogo con istituzioni per progetti sociali

Roma, 31 mag. (AdnKronos) – Un mercato unico per la filantropia, fondi europei di garanzia per progetti a impatto sociale e l’utilizzo dei Big Data per il non profit. Queste tra le principali novità della Conferenza annuale dell’European Foundation Centre (EFC), il network internazionale della filantropia istituzionale, sotto la presidenza di Massimo Lapucci, segretario generale della Fondazione Crt. La conferenza, intitolata ‘Culture Matters. Connecting citizens & uniting communities” in occasione del 2018 Anno Europeo del Patrimonio culturale, è iniziata il 29 maggio e si è chiusa oggi a Bruxelles, ospitando 600 rappresentanti del settore da tutto il mondo.
Coinvolte anche le altri due reti della filantropia europea: il Donors and Foundations Networks in Europe (DAFNE) e lo European Venture Philanthropy Association (EVPA). Con oltre 60 miliardi di euro all’anno destinati a interventi con finalità sociali (in particolare, istruzione, sanità, scienza, ambiente, migrazione, integrazione), il settore filantropico è un pilastro fondamentale della società civile europea. Per questo, uno dei principali obiettivi del Presidente di Efc Lapucci è favorire la libera circolazione delle risorse non profit tra gli Stati, superando alcune barriere ‘ come restrizioni dei finanziamenti stranieri o sistemi di tassazione transfrontaliera incoerenti ‘ che rischiano di mettere a repentaglio il ruolo della filantropia come ‘collante” sociale e il lavoro di oltre 140.000 fondazioni.