Svizzera: Ffs, oltre 5 mln franchi di danni per atti vandalici

Roma, 31 mag. (AdnKronos/ats) – Le Ferrovie federali svizzere hanno subito danni per 5,4 milioni di franchi nel 2017 a causa di atti vandalici a suoi veicoli e impianti. In una nota diffusa oggi, le Ffs si appellano ai media affinché si limitino a “una comunicazione distaccata e obiettiva”, che a loro avviso contribuirebbe a “prevenire le emulazioni”. è dimostrato che quando i media propongono foto o video al pubblico, causano “atti emulativi”, sostengono le ferrovie elvetiche. Lo scopo degli sprayer è infatti “proprio quello di far conoscere a più persone possibili i propri graffiti”: non a caso spesso scelgono carri e carrozze ferroviari. Le Ffs affermano di denunciare “sistematicamente” i ‘graffitari’ in base all’articolo 144 del codice penale elvetico.
Nella misura del possibile i veicoli imbrattati sono ritirati dalla circolazione entro 24 ore perché “più si è rapidi nella rimozione, meno si incoraggiano altri writer a fare lo stesso”. D’altro canto, i costi supplementari di stazionamento e pulizia, che secondo un portavoce negli ultimi anni hanno sempre superato i 5 milioni di franchi con una punta di 6,3 milioni nel 2015, vanno a pesare sul conto annuale delle Ffs e incidono quindi in modo indiretto anche sul calcolo dei prezzi dei biglietti, rammentano le Ferrovie federali.