Salvini vola a Roma

(AdnKronos) – Matteo Salvini torna a Roma sulla scia della riapertura della trattativa per formare un governo insieme al Movimento 5 stelle. Il segretario della Lega ha cancellato la girandola di impegni in Lombardia previsti nella giornata di oggi – il primo a Barreggio – per volare nella Capitale e valutare la proposta di Luigi Di Maio: spostare Paolo Savona, nome su cui si è inceppato il governo giallo-verde, dalla casella del Mef a un altro dicastero, promuovendo al Tesoro un nome della “stessa caratura e libertà” del professore euro-scettico.
Il leader del Carroccio potrebbe incontrare oggi il capo politico dei 5 Stelle che spiegano come l’incontro non sia ancora in agenda, ma è possibile si tenga già nelle prossime ore.
Solo nella tarda serata di ieri la porta di Salvini si è finalmente aperta. Dopo aver fatto presente che la pazienza “è quasi finita” e che “c’è quel programma e quella squadra: se vanno bene ci mettiamo la faccia e lavoriamo” e “se qualcuno per i motivi più bizzarri non va bene all’Europa Berlino, ai mercati, alla Merkel e alle banche” noi “cosa possiamo farci?”, qualcosa più tardi è cambiato: “Valutiamo quanto questo spostamento sia utile agli italiani, parlandone ovviamente con il professor Savona cosa che educazione vuole. Stiamo ragionando su una squadra forte per un progetto forte”.
Annullati anche i due appuntamenti elettorali previsti oggi in Puglia per Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d’Italia.
E mentre Salvini lascia la Lombardia, il premier incaricato, Carlo Cottarelli, è arrivato alla Camera ed è a lavoro nella sala busti di Montecitorio.
Incontro informale invece al Quirinale tra il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. Anche professore Giuseppe Conte, docente di diritto privato, questa mattina non ha tenuto lezione ai suoi studenti di diritto privato al polo universitario di Novoli, a Firenze, ed è stato sostituito da un suo assistente. Conte è rimasto a Roma, forse in attesa degli sviluppi delle trattative.