MotoGp, Petrucci ha le idee chiare: “l’anno prossimo sarò su una moto italiana, vedremo se sarà rossa o nera”

Intervenuto in conferenza stampa, Danilo Petrucci ha svelato le sue sensazioni in vista del Gp del Mugello soffermandosi anche sul suo futuro

Un podio a Le Mans per presentarsi al Mugello sicuro dei propri mezzi, un risultato esaltante che permette a Danilo Petrucci di guardare con fiducia alla gara italiana. L’obiettivo per il ternano è quello di arrivare più in alto possibile, provando a convincere la Ducati a scegliere lui come sostituto di Lorenzo nella prossima stagione.

/ AFP PHOTO / JEAN-FRANCOIS MONIER

Intervenuto in conferenza stampa, Petrucci ha svelato le sue sensazioni in vista di questo entusiasmante week-end: “è sempre speciale essere qui, la pista è una delle mie preferite. Arriviamo in un momento positivo, dobbiamo cercare di far le cose in modo semplice come in ogni week-end di gara. Bisogna essere precisi sui dettagli, abbiamo avuto un meeting molto importante insieme al mio team e abbiamo deciso ogni dettaglio della moto. Arrivare qui dopo un podio è speciale, uno degli obiettivi per me è ripetermi ma non sarà semplice. Non siamo venuti qui a fare i test, partiamo dunque un po’ in ritardo rispetto agli altri ma cercheremo di recuperare. Le Honda hanno mostrato di essere un po’ più veloci qui e quindi dovremo lottare anche con loro. Sono contento che questa non sia una pista difficile per me, come invece è Austin. La pressione, come detto, da un certo punto di vista è tanta, invece sotto altri punti di vista non c’è. Non lo so. Non devo fare altro che fare le cose che ho fatto nel passato. Miller? E’ molto veloce e lo ha dimostrato in tutte le gare, ogni week-end è importante in MotoGp e io voglio essere sempre il più veloce possibile. Voglio arrivare davanti al maggior numero di avversari, non mi importa essere davanti ad un pilota particolare, ma non sempre è possibile”.

danilo petrucci
AFP/LaPresse

Interrogato sul suo futuro, Petrucci non si è sbilanciato: “al momento non ci sono passi avanti per il 2019. Sto lottando per una moto ufficiale. A questo punto posso dire… Mi piacerebbe che fosse italiana. Che sia rossa o nera è da decidere. Ci sono alcuni aspetti da prendere in considerazione. Per quanto riguarda Ducati penso che vogliano valutare se tenere Jorge o meno. Ci si aspettava di più da lui ma non è lontano dall’essere molto competitivo nelle ultime gare. E’ chiaro però che l’obiettivo è rimanere in Ducati. Non so se sarà possibile e non dipende da me. L’unica cosa che posso fare è andare forte. Ci sono comunque altre Case interessate. Da quello che ho capito, la fretta di Ducati era confermare Dovizioso. Poi secondo me credo vogliano lasciare Lorenzo un po’ tranquillo, per quanto possibile. Anche se non so quanto Jorge sia contento di rimanere. C’è anche questo aspetto da considerare. Il non sapere nulla del futuro non mi preoccupa. Sono la miglior Ducati in classifica e sono a pochi punti dal secondo nella generale, per cui secondo me è importante fare bene quest’anno. Non lotto per il Mondiale ma è possibile finire tra i primi 5. La situazione del mercato è abbastanza ferma, per cui è importante fare bene in pista“.