Internazionali d’Italia – Chi sono le favorite? Poche certezze e tante sorprese: ecco i pronostici di SportFair

Iniziano gli Internazionali d’Italia, ma fra le tenniste WTA non sembra esserci una vera e propria favorita. Chi vincerà il Masters 1000 di Roma? Ecco i pronostici di SportFair

Finalmente il grande tennis mondiale sbarca a Roma per gli Internazionali d’Italia! Sui campi del Foro Italico si prospetta una settimana di grande tennis che vedrà sfidarsi sulla terra rossa della Capitale i migliori giocatori del tennis ATP e WTA. Se il tabellone maschile ha i suoi favoriti, in quello femminile regna l’incertezza. Fra numero 1 senza Slam in bacheca, l’assenza di alcune big e la poca costanza di altre chi sono le favorite per la vittoria degli Internazionali d’Italia? Noi di SportFair abbiamo provato a fare i nostri pronostici.

Favorite

LaPresse/Xinhua

Simona Halep Mettere Simona Halep fra le favorite è sempre un rischio: la tennista romena è numero 1 al mondo, ma come sottolinea la sua bacheca completamente priva di Slam, Simona tende a mancare l’appuntamento con la vittoria finale. Va detto che comunque sulla terra rossa la Halep può vantare due titoli nel Mutua Madrid Open e due finali perse al Roland Garros, dimostrando un buon feeling con la superficie. Il tabellone potrebbe aiutarla: Azarenka e Keys gli unici ostacoli degni di nota fino alla semifinale, nella quale potrebbero esserci Muguruza o Ostapenko, la vera prova del nove.

Eventuale cammino: 1/32 bye; 1/16 Azarenka; 1/8 Keys-Navarro; 1/4 Garcia; Semifinale Muguruza-Ostapenko

LaPresse/XinHua

Jelena Ostapenko più di Garbine Muguruza – Le sopracitate Ostapenko e Muguruza sono due fra le favorite della parte alta del tabellone. Ci sentiamo di dare qualche chance in più alla giovane lettone, campionessa del Roland Garros in carica. Oltre ad un tabellone alquanto semplice (Buzarnescu/Rybarikova gli ostacoli principali) il vero motivo risiede nelle difficoltà di Muguruza. Il 2018 non sembra essere il suo anno: qualche sconfitta di troppo e continui problemi fisici hanno complicato l’inizio di stagione della spagnola. Va detto che comunque negli Slam e nei Masters 1000, per sua stessa ammissione, tende ad alzare il livello. Gavrilova e una tra Sharapova e Barthy inoltre sono avversarie ben più temibili di quelle che potrebbe incontrare Ostpenko.

Eventuale cammino Ostapenko: 1/32 bye; 1/16 Buzarnescu; 1/8 Rybarikova; 1/4 Muguruza, Semifinale Halep

Eventuale cammino Muguruza: 1/32 bye; 1/16 Gavrilova; 1/8 Sharapova-Barthy; 1/4 Ostapenko; Semifinale Halep

LaPresse/XinHua

Karolina Pliskova e Elina Svitolina – Se prima ci siamo sbilanciati sul ‘testa a testa’ Ostapenko-Muguruza, quello tra Pliskova e Svitolina appare assai più complicato. A nostro avviso sono due ottime candidate per la vittoria finale, se non altro per essere entrambe nella parte bassa del tabellone, nella quale la qualità delle avversarie è leggermente più bassa. Probabilmente la finalista passerà proprio dall’eventuale quarto di finale fra le due. Pliskova ha giocato un buon Mutua Madrid Open, arrendendosi solo alla campionessa Kvitova in semifinale. Ha dei turni alquanto complicati fin dalle fasi iniziali con Bertens ai sedicesimi (che potrebbe però soffrire la stanchezza della finale persa a Madrid in quasi 3 ore) e Kerber agli ottavi (ma la tedesca non sembra avere grane feeling con la terra battuta).

Alfredo Falcone – LaPresse

Più semplice il cammino di Svitolina che arriva a Roma da campionessa in carica e con l’intenzione di difendere il 4° posto nel ranking e il proprio titolo. La tennista ucraina avrà Tsurenko e Kasatkina come ostacoli principali ma tutt’altro che insuperabili, prima del sopracitato eventuale quarto con Pliskova. Riuscisse a superare quello la strada verso la finale sarebbe alquanto spianata.

Eventuale cammino Pliskova: 1/32 bye; 1/16 Bertens; 1/8 Kerber; 1/4 Svitolina; Semifinale Williams-Vandeweghe-Wozniacki

Eventuale cammino Svitolina: 1/32 bye; 1/16 Tsurenko; 1/8 Kasatkina; 1/4 Pliskova; Semifinale Williams-Vandeweghe-Wozniacki  

Sorprese

LaPresse/Reuters

Se vi va di puntare su qualche eventuale sorpresa, la parte bassa del tabellone è quella che fa per voi. Particolarmente la seconda metà con giocatrici del calibro di Venus Williams e Caroline Wozniacki. Venus sembra entrata nella fase calante della sua carriera, normale per una tennista prossima ai 38 anni: lo testimoniano il ko all’esordio negli Australian Open e nel Mutua Madrid Open. Il tabellone con Vensnina, Kontaveit-Vandeweghe e Wozniacki già nei primi turni non sembra dei più felici.

Wozniacki
AFP/LaPresse

A proposito di Wozniacki: non sembra proprio il suo torneo. Caroline non ha mai avuto un grande feeling sulla terra rossa, come testimoniano il ko ai quarti di Istanbul e agli ottavi del Mutua Madrid Open. Ha un tabellone non troppo complicato con Van Uytvanck e Sevastova/Mladenovic nei primi turni, ma incontrare ai quarti di finale Kontaveit o Vandeweghe potrebbe già essere alquanto difficile per la numero 2 al mondo.

LaPresse/XinHua

Veniamo dunque alle vere e proprie sorprese, il duo Kontaveit-Vandeweghe. Si affronteranno al primo turno, ma sono due delle tenniste più in forma nella parte bassa del tabellone. La giovane estone, numero 26 al mondo, ha perso in semifinale a Stoccarda contro Pliskova, mentre ha raggiunto gli ottavi a Madrid, eliminata dalla campionessa Kvitova. L’americana invece, attualmente numero 16 del ranking, è stata sconfitta in finale a Stoccarda da Pliskova, prestazione che ha forse falsato il suo pessimo esordio a Madrid nel quale è stata eliminata da Mladenovic. Avrebbero entrambe soltanto Venus e Wozniacki come avversarie degne di nota fino alla semifinale e visti i dubbi dei quali abbiamo parlato in precedenza, è lecito indicarle come possibili sorprese.