Inflazione: Codacons, sale per incertezza politica e caro benzina

Roma, 31 mag. (AdnKronos) – “L’incertezza politica che sta caratterizzando il nostro paese e le speculazioni sul caro-benzina spingono i prezzi al dettaglio al rialzo, e fanno schizzare alle stelle l’inflazione che a maggio raddoppia e raggiunge quota 1,1%”. Lo afferma in una nota il Codacons, commentando i dati forniti oggi dall’Istat.
“L’impennata dell’inflazione ha effetti immediati per le tasche dei consumatori, determinando una stangata da +334 euro annui per la famiglia ‘tipo’ – spiega il presidente dell’associazione dei consumatori, Carlo Rienzi – L’aggravio di spesa raggiunge quota +430 euro annui per un nucleo con due figli, mentre il classico pensionato si ritrova oggi a spendere +216 euro all’anno”.
I beni alimentari aumentano del +2,2% su anno, determinando una maggiore spesa solo per il cibo pari a +118 euro per la famiglia tipo, che sale a +156 per un nucleo di 4 persone, rileva il Codacons. L’intero comparto dei trasporti, a causa del caro-benzina, fa segnare un aumento dei prezzi del +2,6%, che equivale ad una maggiore spesa per +85 euro annui per la famiglia tipo solo per gli spostamenti.