Governo: Confartigianato Veneto, attenti a scontro con Europa (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – ‘Sia chiaro -prosegue – queste considerazioni economiche nulla hanno a che vedere con la legittima -e fondata- dialettica politica sul ruolo dell’Italia in Europa e sulle nostre legittime intenzioni di evolvere i trattati di Roma. Ma in questa situazione, alimentare dialettiche poco responsabili con i nostri ‘vicini’ non è opportuno. C’è un rischio di escalation, a cui ha concorso anche un censurabile tedesco, commissario europeo, che può portare a sentimenti meno positivi nel consumatore tedesco ed europeo in genere, verso l’Italia, tutto a nostro danno”.
‘Non vedo un Veneto ed una Italia supini al volere della UE, tedesco, ai poteri forti, o ai grandi investitori internazionali ‘ afferma il Presidente-, ma è indubbio che quando si tratta di efficienza, capacità di programmazione e iniziative di politica economica, sociale etc, da sempre, almeno noi veneti, abbiamo guardato con interesse a quanto messo in campo da locomotive mondiali come Francia e Germania. Rischiamo di finire, come Veneto, in un pentolone nazionale involutivo che è l’esatto contrario dello scenario di autonomia responsabile che auspicavamo”.
‘Spero – conclude Bonomo – che al più presto si risolva la questione istituzionale del governo e si trovi la quadra per dare governabilità reale e non solo formale al Paese. Ad esempio la sterilizzazione dell’aumento 2019 dell’Iva va affrontato al più presto. In questa delicata fase economica per l’Italia, la fragilità agli assalti finanziari e speculativi è altissima, ed è un gioco che non possiamo sostenere a lungo; il rischio è quello di vanificare gli sforzi fatti per risalire la china della crisi. Nel caso infine ci sia un ritorno al voto, come sembra sempre più plausibile, ci auguriamo che la data sia il prima possibile e che le basi del confronto siano meno equivoche e generiche di quelle che hanno caratterizzato il voto di marzo”.