Governo: Calenda, elezioni saranno importanti come quelle del ’48

Roma, 31 mag. (AdnKronos) – Le elezioni politiche che si delineano all’orizzonte, se non si dovesse arrivare a un governo M5S-Lega, “saranno come quelle del ’48”, quando l’Italia fu chiamata a decidere “se andare nel blocco comunista o restare in Occidente”. Le prossime elezioni ci proiettano in un futuro “molto chiaro, siamo davanti a un blocco che ci porta fuori dall’Europa per andare dove? Non è nemmeno chiaro”. Lo dice il ministro uscente Carlo Calenda ai microfoni di Circo Massimo, su Radio Capital.
“Ci sta – ragiona ancora il ministro – che in Europa dicano ‘l’Italia ha un deficit enorme, un problema geopolitico legato all’immigrazione, ma è così male lasciarla andare?'”. Per Calenda, Lega e M5S “si ispirano a una democrazia autoritaria”, non a caso “il riferimento di Salvini è Putin. Anche il M5S, con il rapporto con la Casaleggio associati, rappresenta un caso di democrazia non ordinaria. Vogliamo quel tipo di democrazia? E’ molto difficile che in Europa – osserva – possano convivere con una democrazia di questo tipo”.