Atletica – Doha: dal 4 maggio il via alla caccia ai Diamanti

SportFair

Al via la nona edizione della IAAF Diamond League a Doha: ecco tutti i dettagli

La nona edizione della IAAF Diamond League è pronta per il debutto di Doha, venerdì 4 maggio. Anche nel 2018 la capitale del Qatar ospiterà il primo dei 14 meeting – la quarta tappa sarà il Golden Gala Pietro Mennea di giovedì 31 maggio a Roma, primo step europeo del circuito – che si svolgerà nella città asiatica sede dei Campionati del Mondo del 2019. Per il secondo anno la manifestazione vivrà sulla rinnovata formula, adottando il modello di un campionato. Come nell’edizione 2017 gli atleti infatti guadagneranno nei primi dodici meeting i punti necessari per qualificarsi alle due finali di Zurigo (30 agosto) e Bruxelles (31 agosto), dove i vincitori dei singoli eventi saranno decretati campioni della IAAF Diamond League, incassando un premio di 50.000 dollari e il Diamond Trophy. Circa cinquanta medaglie olimpiche, mondiali e europee: questo il favoloso cast del meeting d’avvio. L’uomo del giorno, l’uomo di casa è Mutaz Barshim. Campione del mondo a Londra, ha perso l’occasione del bis iridato indoor a Birmingham (argento) e ora ha il primo obiettivo stagionale: vittoria e possibile attacco al primato del meeting di 2,41. Amarcord strepitoso nel salto triplo con i due specialisti che proprio a Doha, nel 2015, furono protagonisti della prima gara della storia con un doppio over-18 metri: il campione olimpico e mondiale Christian Taylor e il cubano Pedro Pablo Pichardo. Nell’asta donne il duello-top tra l’olimpionica e iridata Katerini Stefanidi contro il doppio argento Sandi Morris, reduce però dal trionfo ai Mondiali indoor dove la greca è stata solo terza. La gara più titolata del programma è il giavellotto uomini, con il campione del mondo in carica Vetter, l’olimpionico Röhler e l’iridato 2015 Yego, per il primo grande scontro del 2018 a caccia di misure oltre i 90 metri. Proprio Röhler l’anno scorso a Doha arrivò al primato del meeting di 93,90.