Vela – Volvo Ocean Race: giorni difficili per Turn the Tide on Plastic e MAPFRE

Gli ultimi giorni della Leg 7 della Volvo Ocean Race per Turn the Tide on Plastic e MAPFRE si stanno rivelando lunghi, lenti e difficili

MAPFRE
Credits: Ugo Fonolla/Volvo Ocean Race

In realtà non c’è nulla di diverso che gli equipaggi possano fare, in questa situazione. La presenza di un’area di alta pressione, infatti, genera venti leggeri e instabili e le barche procedono lentamente verso la meta di Itajaì. Turn the Tide on Plastic, della skipper Dee Caffari e su cui corre anche la triestina Francesca Clapcich al suo primo giro del mondo, è il più vicino alla linea del traguardo che a mezzogiorno di venerdì distava poco più di 120 miglia. Ma la barca portacolori delle Nazioni Unite procedeva a soli sei nodi, in 5 nodi di vento. L’esperto navigatore britannico Brian Thompson da bordo ha spiegato:

“non siamo più nel Southern Ocean dove bastano poche ore per coprire queste distanze. In questa zona, ci vorrà più tempo, con questo vento leggero e ballerino, perché non c’è praticamente alcun vento sinottico.”

Gli spagnoli di MAPRE si trovano a oltre 310 miglia più dietro, ma sembra possa trovare una via d’uscita, con un’aria che sta lentamente entrando per la barca rossa. Lo skipper iberico Xabi Fernández:

“è incredibile quanto piano andiamo e quanto sia difficile superare questa zona di alta pressione. Finalmente vediamo un po’ di luce alla fine del tunnel, adesso abbiamo una decina di nodi da nord-est, il che ci fa sperare.”

Credits: Jeremie Lecaudey

In queste condizioni elaborare delle previsioni attendibili sull’arrivo delle due barche diventa difficile. E i Volvo Ocean 65 hanno bisogno di poco vento per accelerare in maniera significativa. L’ultimo ETA (Expected Time of Arrival) per Turn the Tide on Plastic è per la notte di venerdì, mentre MAPFRE potrebbe impiegare ancora 24 ore per giungere in terra brasiliana. I due team che si sono ritirati dalla settima tappa ora corrono contro il tempo per raggiungere Itajaí ed essere alla partenza della Leg 8. Ieri pomeriggio, Team Sun Hung Kai/Scallywag ha lasciato il Cile con un equipaggio di trasferimento e secondo un post pubblicato sui social media sta: “puntando verso lo Stretto di Magellano, per entrare in Atlantico e risalire fino a Itajaí”.

Intanto, anche Vestas 11th Hour Racing ha fornito un aggiormamento:

“l’equipaggio è ancora alle Isole Falkland, lavorando per raggiungere Itajaí. Il boat captain, Nick Dana,  le persone del luogo per preparare la barca a navigare a motore lungo la costa Sudamerfare gli ultimi controlli prima che la barca possa partire, alla fine di questa settimana. A breve maggiori informazioni da parte di Mark Towill.”