Marc Marquez MotoGp
LaPresse/EFE

Nonostante la penalità inflittagli, la pole position resta tecnicamente a Marquez che riceverà anche il premio per il miglior tempo ottenuto in Qualifica

Marquez
AFP PHOTO / KARIM JAAFAR

Ancora nell’occhio del ciclone, Marc Marquez continua a far discutere e a collezionare penalità. Dopo i fatti di Termas de Rio Hondo, lo spagnolo ci ricasca anche ad Austin, ricevendo tre posizioni di penalità in griglia per aver ostacolato Maverick Viñales durante uno dei suoi giri lanciati in qualifica. Niente partenza in prima fila dunque per lo spagnolo della Honda, che aveva ottenuto il miglior tempo, ma occuperà la quarta casella accanto al nemico Valentino Rossi. Una decisione dura e cruda della Race Direction, che ha deciso di non perdonare più nulla dopo quanto avvenuto in Argentina. Una presa di posizione avvenuta dopo la mail ricevuta dalla Yamaha, successiva ad un confronto acceso tra Maio Meregalli (team manager Yamaha) e Emilio Alzamora (manager di Marc Marquez) avvenuto nel paddock subito dopo la fine delle Qualifiche. La penalizzazione dunque obbligherà Marquez ad arretrare in griglia, ma per le statistiche la pole resta comunque sua, permettendogli di mantenere il record ottenuto sulla pista di Austin di sei pole position consecutive. Sulla questione è poi intervenuto lo stesso spagnolo in conferenza stampa, svelando un curioso particolare: “La penalizzazione? Purtroppo stavo uscendo dai box e non mi aspettavo di avere qualcuno dietro, mi hanno punito perché ero sulla traiettoria migliore, mi prendo comunque il premio per la pole, ciò che conta è la gara“.