Roma, 24 apr. (AdnKronos) – “Il peggioramento del clima di fiducia rilevato ad aprile, sia sul versante delle famiglie sia delle imprese, è sintomatico del clima d’incertezza che caratterizza l’attuale fase congiunturale; da alcuni mesi, infatti, produzione e occupazione sono in rallentamento”. Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai dati diffusi oggi dall’Istat.
Per Confcommercio, “in particolare il permanere di un’evoluzione scarsamente dinamica dei consumi sta provocando un deterioramento delle attese degli imprenditori del commercio al dettaglio, la cui fiducia è scesa ai livelli più bassi dalla fine del 2014. Questa tendenza coinvolge, non solo gli operatori della distribuzione tradizionale, ma anche quelli delle grandi superfici”.