(AdnKronos) – Il settore fotografico italiano si concentra a Milano: da sola pesa il 7% delle imprese attive nel settore (1.799 su un totale nazionale di oltre 26 mila), il 14% degli addetti (circa 8 mila su un totale di 54 mila) e oltre il 50% dei ricavi (3,7 miliardi su 6,5). I giovani pesano il 48% delle imprese iscritte nel 2017 e l’8% di quelle attive. In aumento anche il peso di stranieri (il 12% delle imprese nate nell’ultimo anno contro il 6% delle imprese attive) e donne (17% contro 16%).
In Lombardia, le imprese sono 4.171 con 13 mila addetti e oltre 4 miliardi di ricavi. Dopo Milano, che è prima, vengono Brescia con 468 imprese e circa 800 addetti, Bergamo con 382 imprese e quasi 900 addetti, Varese (322 imprese e 1.600 addetti) e Monza Brianza (307 imprese e oltre 500 addetti). Crescono rispetto al 2016 Lecco (+5,9%) e Sondrio (+5,5%).
In Italia sono 26.181 le imprese attive nei settori legati alla fotografia che danno lavoro a oltre 54 mila addetti e superano per ricavi i 6,5 miliardi di euro. Il settore è rimasto abbastanza stabile tra 2016 e 2017. Prima per numero di attività è Milano (1.799) seguita da Roma (1.786), Napoli (1.596), Torino (1.015) e Bari (831). Tra i primi venti territori in Italia altre due lombarde, Brescia (decima) e Bergamo (diciassettesima). Per addetti nel settore, dopo Milano che è prima con quasi 8 mila, vengono Bologna (circa 4 mila), Roma (oltre 3 mila) e Napoli (quasi 2.500).