Roma, 24 apr. (AdnKronos) – Tensioni nell’incontro al Nazareno e, si riferisce in ambienti dem, “fino a un momento prima di entrare all’incontro con Fico”. La delegazione Pd si è divisa sulla linea da tenere nelle consultazioni con il presidente della Camera, Roberto Fico. A quanto si apprende, la dialettica si sarebbe articolata tra la posizione più ‘dialogante’ del reggente Maurizio Martina e quella più intransigente, in particolare, di Matteo Orfini e Andrea Marcucci.
Per Martina la chiusura del ‘forno’ con la Lega poteva essere la pre-condizione per aprire un dialogo. Troppo poco per il fronte renziano. “Serve un riconoscimento del lavoro del governo Renzi”. Di qui, il punto di compromesso: la richiesta di partire dal programma dei 100 punti del Pd.
Spiega Marcucci, dopo l’incontro con Fico: “L’ascolto è dovuto, ma partiamo da distanze molto marcate proprio sui temi oltre che sul concetto della democrazia […] A meno che i Cinque stelle non cambino idea sul jobs act, sugli 80 euro, sulle riforme, i punti di contatto sono pochi e superficiali”.