Roma, 26 apr. (AdnKronos) – “Per dare continuità alla nuova stagione di relazioni industriali e per assicurare un servizio complessivo di qualità è indispensabile affrontare il tema degli appalti di servizio nella ristorazione a bordo treno, nell’accompagnamento notte e nei servizi di pulizia nelle stazioni e sui treni”. Ad affermarlo in una nota è il segretario nazionale della Filt Cgil Michele De Rose, in merito ai rapporti con il gruppo Fs Italiane, spiegando che “con i tre recenti importanti accordi su premio di produzione, manutenzione rotabili e sede di partecipazione si è segnata una linea di discontinuità nelle relazioni sindacali con l’azienda”.
In particolare, spiega il dirigente sindacale della Filt, “l’accordo sulla manutenzione dei nuovi treni Pop e Rock, che verranno immessi dal 2019, prevede l’internalizzazione delle attività nelle officine del Gruppo, a partire da quelle della Liguria, dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio e rappresenta un’inversione di tendenza rispetto alla manutenzione che si fa esternamente sui Frecciarossa 1000”.
Sugli appalti, sostiene inoltre De Rose, “bisogna ora fare in fretta per aprire il confronto già richiesto unitariamente all’Ad Renato Mazzoncini, per evitare che la situazione assuma contorni drammatici, in quanto il settore è già in sofferenza per la riduzione delle risorse messe a bando per effettuare il servizio e perché in alcuni bandi non è applicata la clausola sociale che potrebbe determinare possibili esuberi di personale. Siamo inoltre alla vigilia della scadenza degli ammortizzatori sociali in essere – afferma infine il dirigente nazionale della Filt – che potrebbe determinare un numero rilevante di esuberi tra i 10.500 addetti attualmente impiegati nei servizi in appalto e soprattutto nelle aree del Sud”.