Atletica – EA7 Emporio Armani Milano Marathon: Lucy Kabuu e Seifu Tura vincono la corsa [FOTO]

  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
  • Milano Marathon
    Gian Mattia D'Alberto / lapresse
/
SportFair

La keniana Lucy Kabuu e l’etiope Seifu Tura vincono la 18ª edizione della EA7 Emporio Armani Milano Marathon

Milano Marathon
Gian Mattia D’Alberto / lapresse

Podio interamente keniano tra le donne, vittoria etiope al maschile. Nella 18esima EA7 Emporio Armani Milano Marathon, la sfida femminile si risolve nel finale con il sorpasso decisivo a circa 400 metri dall’arrivo di Lucy Kabuu nei confronti di Vivian Jerono Kiplagat. Sul traguardo di corso Venezia, la 33enne vincitrice chiude in 2h27:02 con sei secondi di vantaggio sulla connazionale, seconda in 2h27:08, e al terzo posto l’altra keniana Sheila Chepkech (2h29:25) che aveva conquistato la scorsa edizione. La migliore delle italiane è Fatna Maraoui (Esercito), tricolore assoluta dei 10 km di corsa su strada, quinta in 2h33:16. Alle sue spalle exploit di Laura Gotti (Runners Capriolese), settima in 2h33:22, con un progresso di cinque minuti esatti. Il precedente record personale della 26enne parrucchiera bresciana, campionessa nazionale della 50 km, era infatti di 2h38:22 stabilito nella passata stagione a Reggio Emilia. Si ferma invece Rosaria Console (Fiamme Gialle), transitata in 1h47:54 al 30° chilometro, a poco più di mezzo minuto dalla Maraoui. L’etiope Seifu Tura conferma i favori del pronostico e si aggiudica il successo tra gli uomini nella gara targata IAAF Silver Label in 2h09:04, con un calo nella parte conclusiva. In una giornata scaldata da un tiepido sole primaverile, oggi precede i keniani Justus Kipkosgei (2h10:00) e Barnabas Kiptum (2h10:17), partito con il ruolo di pacemaker. Al sesto posto Yassine Rachik (Atl. Casone Noceto) con 2h14:01 dopo un parziale al giro di boa in 1h05:34 e una flessione negli ultimi cinque chilometri, poi decimo Francesco Bona (Aeronautica, 2h16:16) e ritirato il 22enne Alessandro Giacobazzi (La Fratellanza 1874 Modena). Più di 5500 atleti arrivati e oltre 3000 squadre impegnate nella staffetta solidale Europ Assistance Relay Marathon.