Samuele Porro e Fabian Rabensteiner
Credits: FCI

Al campionato Europeo Marathon, l’Italia conquista due medaglie: Samuele Porro l’argento, mentre Fabian Rabensteiner il bronzo

Samuele Porro e Fabian Rabensteiner
Credits: FCI

Vola l’Italia a Spilimbergo! Con l’argento di Samuele Porro ed il bronzo di Fabian Rabensteiner, la selezione azzurra si prende 2/3 del podio del campionato Europeo Marathon, al termine di una gara dal ritmo intenso e condotta sempre in testa. Imprendibile il russo Aleksei Medvedev, che conquista per la seconda volta consecutiva il titolo continentale. Una grande prova di forza per i ragazzi di Mirko Celestino, nel gruppetto di testa per l’intera durata della prova e con ben 5 azzurri nella Top Ten finale. Ma pur correndo in casa, con un pubblico delle grandi occasioni a sostegno, nulla hanno potuto contro il russo della Cicli Taddei, che ha tenuto botta anche sulla distanza di 104 km, su un percorso tosto e complesso. A pochi km dal traguardo, Medvedev apre il gas rimane solo al comando: all’inseguimento i tre azzurri Porro, Rabensteiner e Chiarini, che nel finale cede alla fatica, conquistando la medaglia di legno con solo due secondi di ritardo dal terzo classificato. Quinta, sesta e settima posizione rispettivamente per Huber Urs e per gli austriaci Lakata e Geismayr, mentre Daniele Mensi e Juri Ragnoli conquistano le caselle numero 8 e 10 (nono in classifica Hans Becking). Gli altri azzurri: 12° Tony Longo, 17° Cristiano Salerno, 23° Francesco Failli, 25° Jonny Cattaneo.

L’oro tra le donne lo indossa la favorita Gunn-Rita Dahle Flesjaa, che non ha certo bisogno di presentazioni. La norvegese conquista il primo gradino del podio con 24 secondi di vantaggio sulla cross countrysta polacca Maja Wloszczowska, seguita da Arianne Luthi (Team Spur). Brave anche le azzurre, che chiudono tutte nella Top 15: la migliore è Jessica Pellizzaro, che conquista la settima posizione. Maria Cristina Nisi chiude decima, mentre Gaia Ravaioli arriva 13esima.