Milano, 26 apr. (AdnKronos) – Il Comune di Bergamo chiede il ritorno dell’educazione civica nelle scuole della città. Il sindaco Giorgio Gori e l’assessore all’Istruzione Loredana Poli hanno lanciato un appello al mondo della scuola perché si introduca, a partire dall’anno scolastico 2018/19, un’ora di educazione civica la settimana nell’attività curricolare di scuole di Bergamo.
Dall’anno scolastico 2010/2011, spiega in una nota Palazzo Frizzoni, dopo numerosi tentativi di riforma dell’insegnamento dell’educazione civica introdotto nel 1958 dall’allora ministro della Pubblica istruzione Aldo Moro, si è passati alle lezioni di ‘cittadinanza e costituzione’, che comprendono cinque argomenti: educazione ambientale, educazione stradale, educazione sanitaria, educazione alimentare, Costituzione italiana e vengono svolte in due ore mensili, affidate al professore di storia.
In teoria, si legge ancora nella nota, l’insegnamento è presente per tutti gli istituti di ogni ordine e grado all’interno delle materie di storia e geografia; in pratica è sparito del tutto. E’ per questo che, annuncia Gori, “vorremmo affiancare il ritorno dell’ora di educazione civica nelle scuole, come avviene in molti Paesi europei, nei quali l’educazione civica è spesso materia autonoma, con adeguato numero di ore di insegnamento”.