Avicii
PA/LAPRESSE

I familiari di Avicii rivelano la causa della morte del deejay 28enne scomparso in Oman la scorsa settimana: si pensa al suicidio

Avicii si è suicidato“, questo l’annuncio shock fatto dai familiari del famoso deejay ad esattamente una settimana dalla morte del giovane svedese. Il corpo del 28enne era stato trovato privo di vita in Oman ed il ritrovamento aveva fatto pensare al decesso per una malattia incurabile. Avicii si era ritirato dalle scene qualche anno fa, dopo aver prodotto grandi successi musicali ed essere stato in ospedale a causa di una pancreatite acuta dovuta all’abuso di alcol. Con queste parole i familiari di Avicii hanno spiegato la scomparsa del loro caro. Ecco la lettera pubblicata oggi sul sito di Leggo.it:

Il nostro amato Tim era un cercatore, una fragile anima artistica che cercava risposte a domande esistenziali. Un perfezionista di successo che ha viaggiato e lavorato duramente a un ritmo che lo ha portato a uno stress estremo. Quando ha finito di andare in tour, voleva trovare un equilibrio nella vita per essere felice e in grado di fare quello che amava di più – la musica. Ha davvero lottato con pensieri sul significato, la vita, la felicità. Non poteva più andare avanti. Voleva trovare pace. Tim non era fatto per quella macchina da business nella quale si è trovato coinvolto; era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma evitava la ribalta. Tim, ti ameremo per sempre e ci mancherai. La persona che eri e la tua musica terranno viva la nostra memoria. Ti amiamo La tua famiglia

La notizia arriva prima dell’esito dell’autopsia che potrà chiarire una volta per tutte le circostanze della morte del giovane deejay.