pista atletica

Rieti: Chigbolu e Re buona la prima, record sui 300 per l’allieva Gherardi 

Azzurri in forma oggi a Rieti nell’esordio stagionale all’aperto. La quattrocentista Maria Benedicta Chigbolu si mette alla prova in due gare e inizia correndo i 150 metri in 17.34 (+0.3), vicina alla migliore prestazione italiana assoluta di questa distanza spuria che dal 2003 appartiene a  Manuela Levorato con 17.28. Era il debutto nel 2018 per la 28enne dell’Esercito, che non ha disputato competizioni al coperto nei mesi invernali. Sulla pista dello stadio Raul Guidobaldi, dove abitualmente si allena, la Chigbolu si aggiudica poi anche i 300 metri in 37.21 ma alle sue spalle si fa notare la 16enne romana Chiara Gherardi. La portacolori della Studentesca Rieti Milardi con 38.51 realizza la nuova migliore prestazione italiana under 18 superando il 38.6 manuale ottenuto da Nevia Pistrino quasi 37 anni fa, sempre a Rieti e datato 27 luglio 1981. Quest’anno la giovane sprinter allenata da Alberto Colazingari ha già stabilito i primati nazionali allieve indoor dei 200 metri (due volte, con 24.18 successivamente ritoccato a 24.07) e dei 60 metri (7.47). In evidenza anche il quattrocentista Davide Re che sui 500 metri chiude con il tempo di 1:00.27. Per il 25enne delle Fiamme Gialle, semifinalista ai Mondiali di Londra nella scorsa estate, è un crono non troppo distante dal limite italiano che porta il nome di Donato Sabia, 1:00.08 nel 1984. Sulla pedana del disco Valentina Aniballi (Esercito) conquista la vittoria con 55,68 nei confronti di Stefania Strumillo (Atletica 2005), seconda a 53,02