Acea Maratona di Roma nel segno di Rahma Tusa: l’atleta etipote vince per la terza volta di fila [FOTO]

  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Acea Maratona di Roma
    Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Fabrizio Corradetti/LaPresse
/
SportFair

L’etiope Rahma Tusa si impone per la terza volta consecutiva all’Acea Maratona di Roma. In campo maschile Cosmas Jairus Kipchoge Birech vince la corsa

Acea Maratona di Roma
Fabrizio Corradetti/LaPresse

Dominio africano alla 24esima Acea Maratona di Roma, stavolta con due nazioni diverse sul gradino più alto. Nella gara femminile ancora un successo dell’etiope Rahma Tusa che si impone per la terza volta consecutiva all’ombra del Colosseo, con un notevole risultato cronometrico. Per la vincitrice il tempo finale è di 2h23:46, record personale migliorato di quasi un minuto e mezzo, ma tra le donne è anche la seconda prestazione di sempre nella storia della manifestazione. La 24enne di Addis Abeba pareggia così l’impresa della connazionale Firehiwot Dado, leader nelle edizioni dal 2009 al 2011 per tre anni di fila. Poi alle sue spalle la debuttante Dalila Abdulkadir Gosa (Bahrain) a tre minuti in 2h26:46 seguita dalla keniana Alice Jepkemboi (2h18:19). Al maschile in 2h08:03 prevale il 32enne keniano Cosmas Jairus Kipchoge Birech che allunga negli ultimi due chilometri per staccare Abdi IbrahimAbdo (Bahrain), secondo in 2h08:32, mentre finisce terzo l’altro keniano Paul Kangogo (2h09:20). In entrambe le gare, maschile e femminile, viene quindi stabilito il miglior tempo del 2018 su suolo nazionale. Nell’evento della Capitale targato IAAF Silver Label, in una bella mattinata di sole, più di 14.000 podisti provenienti da 131 nazioni alla partenza da via dei Fori Imperiali, con circa 80.000 partecipanti alla Fun Run di 4 chilometri. Tra i protagonisti anche il popolare ultramaratoneta Giorgio Calcaterra, che ha atteso la partenza dell’ultimo gruppo e poi ha iniziato la sua gara di rimonta, quasi 17 minuti dopo i top runners, per salutare i podisti lungo il percorso motivandoli a portare a termine la sfida sui 42,195 chilometri.