Sabatini
LaPresse/Massimo Paolone

Walter Sabatini ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni da coordinatore dell’area tecnica di Suning, che comprende sia lo Jiangsu che l’Inter

Moro Francesco/LaPresse

La rivoluzione in casa Suning è ormai partita, dopo l’ormai imminente addio di Fabio Capello, anche Walter Sabatini sarebbe pronto a rassegnare le proprio dimissioni lasciando il suo incarico di coordinatore dell’area tecnica della società cinese. A farne le spese dunque non sarà solo lo Jiangsu, ma anche l’Inter, che perde una delle due figure di riferimento del mercato oltre a Piero Ausilio. I motivi che spingono il dirigente italiano ad abbandonare il proprio ruolo sono varie e molteplici e vanno dall’addio di Capello, fino ai paletti imposti da Suning sul mercato, che hanno costretto Sabatini a rivedere i progetti di inizio stagione. La complessa burocrazia e la difficoltà di interagire con una organizzazione molto frammentaria e poco verticale hanno fatto il resto, spingendo l’ex direttore sportivo della Roma a prendere la decisione di abbandonare il suo incarico. Nelle prossime ore se ne saprà di più, ma l’avventura di Sabatini con Suning sembra ormai essere arrivata alla conclusione.