Fabrizio Corona Silvia Provvedi
Credits Instagram

Silvia Provvedi, fidanzata di Fabrizio Corona, parla dei suoi progetti futuri insieme all’ex re dei paparazzi: matrimonio e figlio? Ecco cosa ha risposto la cantante

Silvia Provvedi e Fabrizio Corona sono di nuovo insieme. La coppia che ha vissuto più di un anno lontana, per la detenzione presso il carcere di San Vittore dell’ex re dei paparazzi, ma ora si è ritrovata sotto lo stesso tetto. Dopo la ‘prova’ superata, i due sembrano uniti più di prima e fantasticano progettando un futuro insieme. La cantante del duo ‘Le Donatella’ ha presieduto quest’oggi al programma Mattino Cinque in cui ha confessato cosa è successo davvero quel giorno che in carcere Corona le chiese di sposarlo.

Sì, è vero, in carcere mi ha chiesto di sposarlo.Non sono stata io a chiederlo, a differenza di quanto era stato detto da alcuni settimanali. Io sono d’altri tempi: l’uomo corteggia e chiede di sposare. Non c’è stata una vera e propria richiesta, ci sarà nel futuro. Me l’ha scritto in varie lettere, perché di persona è sempre stato imbarazzato di dirmi ‘ti voglio sposare’, ed anche perché, anche a livello ambientale, non era il luogo giusto. Abbiamo sempre detto ‘se sarà, ce lo chiederemo comunque in un luogo aperto.

Un sogno che però è rimandato a tempi migliori. Silvia Provvedi ha solo 25 anni e proprio per questo non ha fretta.

Ha la razionalità di capire che non è il momento. Entrambi dobbiamo respirare. Adesso come adesso tutti e due abbiamo deciso di goderci questo momento. Siamo entrambi molto stanchi. Speriamo che questo momento dia frutti positivi, per tutti e anche per Carlos (il figlio avuto da Corona con la modella Nina Moric, ndr) a cui sono molto affezionata. Fabrizio vuole soprattutto il bene di Carlos e della nonna che tiene da sempre il nipote e gli vuole bene in modo speciale. Ora è importante questo. Dopodiché il matrimonio è un contratto e penso possa aspettare.

Su un figlio che potrebbe nascere dal loro amore, la cantate svela:

Se mi dimostra tanto sì. Perché comunque è importante che ci sia anche il padre. Fabrizio ha mille qualità ma deve riprendere in mano la sua vita e dimostrarmi di essere l’uomo che è. Dopo un anno e quattro mesi di carcere e dopo mille ingenuità che ha commesso nella sua vita, anche io come donna devo prendermi il mio spazio. Mi chiama mille volte al giorno. Perché forse gli mancherà chiamarmi dopo un anno e quattro mesi. Ma è tenero, non è un delinquente né un malavitoso. Il padre lottava contro la mafia, ti pare che farebbe mai una cosa del genere?