Nella mattina della seconda giornata, ai Campionati Mondiali Indoor di Birmingham, tre azzurri passano il turno con il record personale

Yassin BouihSorrisi azzurri a Birmingham, dopo la medaglia di bronzo conquistata ieri nel salto in alto da Alessia Trost. Nella mattina della seconda giornata, ai Campionati Mondiali Indoor, tre atleti italiani superano il turno con il record personale. Sui 3000 metri guadagna la finale Yassin Bouih, 21enne reggiano delle Fiamme Gialle che si piazza terzo in batteria con 7:50.65 interpretando al meglio una gara con molti cambi di ritmo, per entrare nella top ten nazionale di sempre al decimo posto. La sprinter Anna Bongiorni si qualifica alle semifinali dei 60 metri: per la 24enne toscana dei Carabinieri arriva un progresso di due centesimi in 7.24, quarta nella sua batteria, con il terzo crono di ogni epoca a livello nazionale. La stessa impresa riesce nei 400 metri a Raphaela Lukudo, capace di correre in 52.98 per agguantare il terzo posto e a sua volta un crono utile per andare in semifinale, nonostante la partenza da una scomoda seconda corsia.

LaPresse/Spada

La 23enne emiliana dell’Esercito toglie un decimo al suo recente personal best, diventando la sesta azzurra alltime. Out invece Ayomide Folorunso, 21enne delle Fiamme Oro, che lotta con grinta dalla prima corsia e chiude in 53.24, secondo tempo delle escluse. Stasera quattro maglie azzurre in pista, tutte al femminile: Veronica Borsi ed Elisa Di Lazzaro nelle batterie dei 60 ostacoli (ore 19.05), quindi le semifinali di Anna Bongiorni (60 metri alle 19.50) e Raphaela Lukudo (400 alle 21.32). Domani, sabato 3 marzo, sarà soprattutto il giorno di Fabrizio Donato, il capitano dell’Italia Team, nella finale del triplo alle 20.08, mentre Paolo Dal Molin e Hassane Fofana affronteranno il primo turno dei 60hs (ore 19.30) e nella sessione mattutina si svolgeranno le batterie della staffetta 4×400 donne con il quartetto azzurro impegnato alle 14.05, poi Yassin Bouih tornerà in pista domenica (ore 16.35) nella finale dei 3000 metri.