Roma, 19 feb. (AdnKronos/ats) – Swiss Re ha completato il programma di riacquisto d’azioni per un miliardo di franchi avviato l’anno scorso. L’operazione è seguita con attenzione alla luce dell’interesse mostrato dalla giapponese Softbank a rilevare una quota importante della compagnia di riassicurazioni. La società zurighese ha comprato 10,8 milioni di azioni proprie a un prezzo medio di 92,31 franchi, si legge in un comunicato. Obiettivo della manovra era di far beneficiare l’azionariato del capitale in eccesso.
Intanto però si discute molto sul possibile sbarco del conglomerato nipponico Softbank: due settimane fa Swiss Re aveva confermato colloqui in uno stadio preliminare. Maggiori informazioni potrebbero essere diffuse venerdì, in concomitanza con la conferenza stampa di bilancio dell’assicuratore.
Softbank, gigante attivo in svariati settori che vanno dalle telecomunicazioni al commercio elettronico, passando per i media e la finanza, sarebbe interessata a rilevare il 30% di Swiss Re: in base a un valore di mercato di 32,7 miliardi l’operazione sfiorerebbe quindi i 10 miliardi di franchi. La prospettiva di un buon prezzo per gli azionisti sta intanto spingendo al rialzo il titolo in borsa: oggi Swiss Re è arrivata a guadagnare fino al 2%.