De Rossi
De Rossi - LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

Il centrocampista giallorosso alla vigilia della sfida con lo Shakhtar Donetsk scuote l’ambiente Roma. De Rossi: “non è una stagione sbiadita”

LaPresse/Luciano Rossi AS Roma

Nel gelo di Donetsk servirà tutta la sua esperienza, Daniele De Rossi pronto a trascinare la Roma nell’andata degli ottavi di finale di Champions League, con il centrocampista giallorosso che in conferenza stampa analizza il momento attraversato dalla squadra e non vuol sentire parlare di ‘stagione sbiadita’. Ecco le parole di De Rossi:

“La mia condizione è buona, sabato mi son sentito meglio di quanto sperassi. Vedremo presto se riuscirò a fare due partite in pochi giorni. Nella settimana in cui non ho giocato ho lavorato duramente, mi sento bene e spero di essere in grado di scendere in campo domani. Arrivo a questa gara consapevole dell’importanza della partita senza particolari responsabilità. Ai miei compagni non devo dire nulla, abbiamo avuto momenti di difficoltà ma abbiamo dimostrato di essere molto uniti. Tutti i giocatori sono attaccati a questa squadra e nessuno ha bisogno di particolari raccomandazioni”.

“Non mi va di pensare ad una stagione sbiadita, anche perché ancora questo ottavo dobbiamo giocarlo. Sono passati tanti anni dall’eliminazione contro lo Shakhtar, mi ha fatto male ma adesso non ci penso. Non ho sentimento di vendetta, non mi fa nessun effetto rigiocare contro una squadra che mi ha eliminato. Sarà una partita importante ma non c’è nulla di legato al passato. La Roma sta crescendo, vorrei poter dire di più ma non lo faccio per scaramanzia. In Europa abbiamo chiuso davanti a squadre blasonate, facendo un percorso semiperfetto. Se guardassimo solo la Champions dovremmo essere entusiasti, ma adesso inizia una nuova fase e dobbiamo ricominciare tutto daccapo”.