(AdnKronos) – ‘Sono anni ‘ ricorda l’Assessore alla Sanità del Veneto ‘ che chiudiamo i conti in attivo e che veniamo promossi a pieni voti per la capacità di erogare i Livelli Essenziali di Assistenza (in questo caso, primi assoluti nell’ultimo anno). Siamo ben contenti di aver ottenuto questi fondi che, in una fase di tagli come quella che stiamo vivendo, sono grasso che cola, però non vorrei che passasse il concetto che qualcuno a Roma ci ha regalato qualcosa”.
‘Come sempre ‘ conclude l’Assessore ‘ useremo al meglio questi soldi, perché ci aspetta un futuro non facile, a cominciare dagli oneri dei rinnovi contrattuali nazionali che, unici in Italia, non ricadono sulle casse dello Stato ma su quelle delle Regioni”.