Gus Kenworthy
Twitter @DLanceBlack

Un bacio bellissimo quello arrivato alle Olimpiadi Invernali di Pyengchang 2018 tra lo sciatore freestyle americano Gus Kenworthy ed il suo compagno

Prima della finale di slopestyle alle Olimpiadi invernali di Pyeognchang 2018, lo sciatore freestyle americano Gus Kenworthy ha baciato il suo compagno, l’attore Matthew Wilkas. Le tenere immagini che vedono immortalato il tenero gesto dello sportivo nei confronti del fidanzato sono state trasmesse dalla Nbc. Gus Kenworthy, che nel 2014 a Sochi, vinse l’argento, quest’oggi si è classificato dodicesimo, ma il suo umore era sicuramente diverso da quello delle scorse Olimpiadi. Lo sciatore infatti non aveva potuto in Russia baciare l’allora compagno, Gus infatti ha fatto coming-out solo nel 2015. Come riporta Vanity Fair l’atleta americano ha rivelato:

Poterlo fare, dargli un bacio, mostrarlo al mondo, è una cosa incredibile. Il solo modo per far cambiare la percezione che il mondo ha, per abbattere barriere e sconfiggere l’omofobia è attraverso i gesti. Non ho avuto questo da bambino. Non ho mai visto un atleta gay baciare il suo fidanzato alle olimpiadi. Penso che se lo avessi avuto, per me sarebbe stato più semplice.

Su Instagram lo sportivo aveva scritto prima della gara, mostrandosi felice accanto al compagno, queste parole:

Il mio compagno di Seoul! È un po’ tardi per San Valentino, ma è venuto per vedermi gareggiare. Sono felice di avere lui, la mia famiglia, il mio agente e tanti amici a sostenermi in Corea… Che io vinca o perda camminerò a testa alta! Grazie a tutti per le parole di incoraggiamento e il sostegno, non ce l’avrei fatta senza di voi!

Anche Matthew Wilkas ha commentato l’accaduto. Ad un inviato del Time l’attore ha scherzato dicendo:

Solo un bacetto, potevamo fare di peggio. Bello che sia in tv, lo rende una cosa normale. Per Gus è stato molto difficile. La comunità gay guarda a lui come modello, altri non vogliono che vederlo fallire. So che questi gesti sono importanti, ma io voglio solo che lui sia felice.