LaPresse/EFE

Gli Houston Rockets si assicurano il veterano Joe Johnson, fresco di buyout con gli Utah Jazz: risorsa importante per la panchina

Gli Houston Rockets di James Harden e Chris Paul non smettono di stupire. La franchigia texana è riuscita finalmente a superare i Golden State Warriors (confitti dai Blazers) grazie al successo di questa notte sui Kings, diventando la prima forza ad Ovest. Proprio la sfida contro gli Warriors però, sembra l’ostacolo principale fra i ragazzi di coach D’Antoni e l’anello. È innegabile come Durant e compagni abbiano un roster migliore, quantomeno nei titolari, e per questo motivo i Rockets stanno cercando di puntellare la rosa per l’upgrade finale che li elevi al ruolo di contender per l’anello. Dal mercato degli svincolati, ieri notte, è arrivato Joe Johnson, fresco di buyout dai Jazz. Il veterano 36enne ha subito esordito contro i Kings, senza lasciare il segno (9 punti in 31 minuti). Poco male visto che è appena arrivato. Il suo apporto, nonostante una stagione al ribasso (7.3 punti a partita, tirando da 3 punti con il 27%), sarà utile in uscita dalla panchina particolarmente ai Playoff. Nella serie del primo turno fra Jazz e Clippers dell’anno scorso, Johnson mise insieme qualcosa come 15.7 punti di media, aiutando Utah a passare il turno. Il sistema dei Rockets che s basa su una grande mole di tiri da dietro l’arco e l’apporto alla voce ‘assist’ di Harden e Paul non potrà che giovargli.