LaPresse/Reuters

Una fra le trade più strane del finale del mercato NBA è stata sicuramente quella che ha portato Wade a Miami: LeBron James avrebbe dato il suo ok

Ieri notte alle ore 21 è scattata la trade deadline, il termine ultimo entro il quale compiere gli ultimi scambi per le franchigie NBA. I Cleveland Cavaliers sono stati i grandi protagonisti, nel bene e nel male, smantellando gran parte del loro roster. Una delle trade più sorprendenti è stata quella che ha portato Dwayane Wade ai Miami Heat (in cambio di una seconda scelta) per quello che è un clamoroso ritorno. Intervistato da Associated Press, l’ex Cavs ha spiegato di essere felicissimo del suo ritorno in Florida:

“ho sempre sentito che un giorno sarebbe successo. Per me, c’è sempre stata un po’ di speranza. Semplicemente non si sapeva come o quando si sarebbe arrivati a questo. Io in panchina? Non importa. Non vedo l’ora di accogliere qualsiasi ruolo mi sarà affidato.“

Secondo quanto riportato da Ramona Shelburne di ESPN, questa trade si è potuta concludere però solo grazie al veto di LeBron James. Il gm dei Cavs, Koby Altman, si sarebbe infatti consultato con il n°23 dei Cavs, grandissimo amico di Wade, per chiedere il suo parere sulla trattativa. Il Re ha dato il suo benestare.