LaPresse/EFE

La trade deadline dell’8 febbraio si avvicina e i Cavs provano a puntellare il loro roster con qualche ultimo acquisto: chiesto Kemba Walker agli Hornets

La stagione dei Cleveland Cavaliers prosegue fra incertezze, problemi e sconfitte. L’ultimo ko dei Cavs, il 21° della regular season, è stato fra i più pesanti: al termine della gara, il tabellone della Quicken Loans Arena segnava il punteggio di 88-120 in favore degli Houston Rockets. Un’umiliazione dura da digerire tanto per i tifosi di casa quanto per gli stessi giocatori. Il front office dei Cavs sembra orientato a riconfermare Tyronn Lue, scelta che sposterebbe le ‘colpe’ di questa, pessima, prima metà di stagione direttamente sul roster. Sembra chiaro dunque che servano delle aggiunte. I problemi difensivi dei Cavs sono stati accentuati dall’ingresso di Isaiah Thomas in quintetto. Dal ‘basso’ dei suoi 175 cm, il playmaker arrivato da Boston soffre il mismatch fisico con qualsiasi avversario diretto e i sostituti nel ruolo, l’incognita Rose e il ‘veterano’ Calderon, non garantiscono certezze. I Cavs avrebbero puntato dunque Kemba Walker, playmaker messo sul mercato dagli Hornets. La prima offerta recapitata ai ‘Calabroni’ comprende: Tristan Thompson, J.R. Smith e la scelta al primo giro dei Cavs per il 2018. Trade rifiutata. Gli Hornets vorrebbero la pick dei Nets, molto più allettante, senza contare che vorrebbero inserire Nicolas Batum (e il suo contratto da 72 milioni garantiti fino al 2020) in ogni trattativa per la cessione di Walker.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE