LaPresse/XinHua

L’ex allenatore della Juventus Marcello Lippi carica l’ambiente bianconero in vista della gara di ritorno con il Tottenham: “succederà come nel 2003”

LaPresse/Xinhua

La carica di Marcello Lippi. Dopo il 2-2 contro il Tottenham che ha fatto deprimere l’ambiente bianconero, l’ex allenatore della Juventus e attuale commissario tecnico della Cina è convinto del passaggio del turno della squadra di Allegri. Queste le parole di Lippi – che difende anche Buffon – rilasciate nel corso di un’intervista a Tuttosport:

“Max ha ragione e fa bene a respingere in maniera netta tutta la negatività che arriva dall’esterno. Vincere non è affatto scontato, in Champions. Il Tottenham è un’ottima squadra. E se il 2-2 fosse arrivato in rimonta, recuperando due gol agli inglesi e non facendoseli recuperare, adesso si farebbero tutti altri discorsi in ottica ritorno. Un po’ di rosico ci sta per come era iniziata la gara, però non è ancora finita. C’è un’altra partita. Non la sbaglieranno a Wembley. E non c’è soltanto la vittoria. Si può passare anche con un 2-2 nei 90’ e un gol nei tempi supplementari. Ci sono delle analogie con i nostri quarti del 2003. A Torino pareggiammo 1-1 contro il Barcellona. E poi siamo andati al Camp Nou a giocarci la qualificazione. Siamo passati in vantaggio con Nedved, abbiamo subito il pareggio di Xavi e siamo rimasti in dieci per l’espulsione di Davids. Partita infinita: ai supplementari cross di Birindelli e gol di Zalayeta. In quella Champions abbiamo distrutto le spagnole. Prima del Barcellona avevamo battuto il Deportivo la Coruna e in semifinale eliminammo il Real Madrid”

“Sull’errore di Buffon”

“Errore di Buffon? Può aver senso criticare Gigi? Assolutamente no. Ha fatto un mezzo passo perché probabilmente s’aspettava un tiro a sorpassare la barriera. Se non lo avesse fatto e Eriksen avesse tirato in quel modo adesso tutti lo criticherebbero per quello”.