Buffon
Buffon - LaPresse/Fabio Ferrari

Il portiere della Juventus Gigi Buffon svela alcuni particolari inediti della sua infanzia, iniziando proprio dalle sue simpatie calcistiche

Buffon
Buffon – Fabio Ferrari/LaPresse

Nuove inaspettate confessioni da parte di Gigi Buffon. Ospite del Maurizio Costanzo Show, il portiere della Juventus ha svelato diversi particolari inediti della sua vita e della sua infanzia, iniziando proprio dalle sue simpatie in ambito calcistico. Queste le parole di Buffon:

“Io sono sempre stato per i deboli. Quindi dopo un po’ di anni in cui ho tifato la Juve perché tutti i miei parenti, soprattutto friulani, erano juventini, mi sono appassionato a Trapattoni, perché mi piaceva il fatto che lui fischiasse e per me che ero un bimbo era veramente un mito. Era un personaggio incredibile, amato da tutta Italia. Andò all’Inter e per un po’ seguii anche l’Inter, benché poi quando diventai più grandicello ho cominciato a tifare per il Genoa, che è diventata diciamo la squadra per cui ho sempre simpatizzato. Poi tante altre realtà piccoline che mi trasmettevano simpatia, quindi il Pescara di Galeone, il Foggia di Zeman, l’Avellino. Piccole realtà perché volevo che anche loro realizzassero il sogno”.