Isaiah Thomas

Isaiah Thomas passa ai Lakers in una clamorosa trade sul finire del mercato: l’agente sbotta e punta il dito contro i Lakers e LeBron James

Ieri notte alle ore 21 è scattata la trade deadline, il termine ultimo entro il quale compiere gli ultimi scambi per le franchigie NBA. I Cleveland Cavaliers sono stati i grandi protagonisti, nel bene e nel male, smantellando gran parte del loro roster. Una delle cessioni più sorprendenti è stata quella di Isaiah Thomas, arrivato la scorsa estate nella trade che ha portato Irving a Boston, ma mai utilizzato fino a gennaio, poichè infortunato. Una manciata di partite per il folletto ex Celtics, giocate nemmeno al top della forma, giusto il tempo per evidenziare diversi limiti fisici e difensivi che non hanno fatto altro che peggiorare la situazione in casa Cavs. Poi la decisione: ceduto ai Lakers insieme a Frye e alla scelta dei Cavs per il 2018 in cambio di Clarkson e Nance Jr. Dopo l’operazione, Aaron Goodwin, agente di Thomas, non ha speso parole al miele per i Cavs dichiarando a ‘Cleveland.com’:

“Thomas ha lavorato durissimo per il ritorno, ed è un giocatore dominante nel controllo della palla. Ebbene, si trattava di ‘Palla a LeBron’, e chiaramente non stava funzionando. Koby Altman (gm Cavs, ndr), ed io abbiamo avuto conversazioni a sufficienza quando il punto era ormai chiaro. […] Questa è una buona opportunità per Isaiah”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE