Euforia Crotone, Zenga svela la ricetta dell’impresa: “ecco cosa ho detto ai miei giocatori negli spogliatoi”

SportFair

Walter Zenga analizza il pareggio ottenuto dal Crotone a San Siro contro l’Inter, svelando un piccolo retroscena accaduto negli spogliatoi

Spada/LaPresse

Se in casa Inter ci si dispera per l’ennesima occasione sfumata, il Crotone invece si gode l’impresa firmata Barberis, un risultato voluto e ottenuto che consente ai calabresi di muovere la classifica e continuare a sognare una salvezza che non è affatto utopia. Zenga ha ridato verve e brillantezza ai rossoblu, puntando sulle geometrie di Barberis e sull’imprevedibilità di Trotta, una spina nel fianco dei nerazzurri nella magica serata milanese. L’allenatore dei calabresi ha commentato con gioia il risultato ottenuto a San Siro, esprimendo ai microfoni di Sky Sport 24 le sue sensazioni:

“L’importante è che l’allenatore sia credibile, perché è fondamentale trasmettere fiducia ai giocatori. Negli spogliatoi ho detto di divertirsi e giocarsela, perché a San Siro è sempre bellissimo scendere in campo. Sono fortunato in questo, perché ho una squadra che lavora al 100%. Eder? A Genova era uno dei miei uomini, è un uomo prima che un grande giocatore. Alla Samp fece 9 gol in 12 partite e sono contento di vederlo all’Inter, perché gli ho sempre augurato il meglio. I tifosi nerazzurri vogliono più bene a me che ai loro giocatori? Ho giocato anche 473 partite, non è un paragone che può valere. Non mi permetto di giudicare l’Inter, anche perchè c’è un allenatore che stimo moltissimo come Luciano Spalletti. Ora penso solo al mio Crotone”.