F1, Vandoorne contento della McLaren: “la prima impressione è positiva, bene anche la power unit”

SportFair

Stoffel Vandoorne ha commentato il lavoro svolto dalla McLaren in questi test di Barcellona, sottolineando come la prima impressione sia buona

AFP/LaPresse

Nonostante il problema avuto da Alonso nella prima giornata di test, la McLaren sembra essersi messa in carreggiata nel corso della sessione, completando il proprio programma nella giornata di ieri. Stoffel Vandoorne ha preso il volante dalle mani del compagno spagnolo, percorrendo numerosi giri utili a raccogliere buone informazioni. Il freddo e le basse temperature hanno un po’ rallentato il programma, ma il belga ha svelato a Motorsport.com di essere soddisfatto:

“E’ stato molto bello tornare in macchina, anche se con freddo e bagnato non erano le condizioni ideali, sentivo congelare mani e piedi! Dopo oggi le sensazioni sono contrastanti perché le condizioni erano difficili, ma anche uguali per tutti. Abbiamo iniziato piano aspettando che la pista permettesse di spingere, la prima impressione della macchina è stata positiva. Non ho avuto sorprese, che è la cosa più importante al momento. Con il bagnato ci siamo concentrati sulle prove aerodinamiche, che solitamente solo le prime da fare nei test. Abbiamo cercato di ottenere il massimo in circostanze negative e alla fine il tracciato era migliorato e quindi siamo potuti entrare con le slick e mettere insieme diversi giri consecutivamente. Questo è stato il momento dove ho iniziato a sentire meglio la vettura. Purtroppo dopo pranzo si è verificato un problema allo scarico e abbiamo perso il resto della giornata. Nello specifico, soffiava l’aria calda verso alcune parti del telaio e una di queste erano i cavi del sistema frenante. Per sicurezza la squadra ha deciso di fermare l’auto. Il motore? Le prime sensazioni della power unit Renault sono state positive, la guidabilità è buona e tutti i cambiamenti che abbiamo fatto hanno funzionato come ci si aspettava. Alla fine non è che ci sia molto da dire in proposito”.