Bradley Wiggins
LaPresse/PA

Bradley Wiggins prende le distanze definitivamente dal Team Sky e lancia un monito ai giovani corridori della sua squadra

Bradley Wiggins
LaPresse/PA

Bradley Wiggins è tornato a parlare del suo primo grande amore: il ciclismo. Il ‘Baronetto’ in carriera ha vinto un Tour de France (nel 2012 col Team Sky) e regalato in pista grandi emozioni a tutti i suoi fan. Da qualche mese il britannico sta cercando di qualificarsi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 nel canottaggio (disciplina che ha sempre amato). Bradley Wiggins qualche anno fa ha creato una squadra di ciclismo adatta per i giovani britannici (il Team Wiggins ndr) che vogliono diventare professionisti. Tra i 17 atleti che compongono la squadra c’è Tom Pidcock, grande promessa del ciclismo inglese. Il corridore è ben visto da molte squadre, soprattutto del WordlTour, e se continuerà a vincere potrebbe esserci la ‘chiamata’ per effettuare il salto di qualità. Bradley Wiggins ha lanciato un monito ai suoi ciclisti: ovvero quello di non andare al Team Sky. Il Baronetto ha spiegato il perché, come riportato dalla Gazzetta dello Sport:

“non andate a Sky in futuro, andate altrove. Vi rovinerebbero. Ogni riferimento a Sky non è puramente casuale, bensì voluto. Noi vogliamo essere una squadra che si relazioni con il pubblico, non ci vogliamo nascondere in un grosso bus nero davanti a degli schermi. Non mi disamorerò mai del ciclismo, ma questo sport oggi è molto diverso rispetto a quello che mi aveva fatto innamorare. Si discute tutto il tempo di potenza e body attillatissimi, ma io vorrei tornare indietro ai tempi in cui Bernard Hinault si cambiava nel retro di una macchina. È la migliore squadra del mondo, è chiaro. Ma non sempre se ne parla bene. Hanno una struttura poderosa, è difficile gareggiarci contro. Bisogna fare qualcosa, magari mettere un tetto al budget, per rendere la competizione più equa”.”.

Un vero e proprio attacco alla sua ex squadra (Bradley Wiggins ha corso dal 2010 al 2015 col Team Sky) che nessuno poteva mai immaginare. Il ‘Baronetto’, da quando si è ritirato dal ciclismo, sta cercando di staccarsi dall’ombra di Dave Brailsford, team manager della squadra britannica, e con questo attacco ha voluto tagliare definitivamente i ponti col passato.