Alexandre Kristoff
AFP/LaPresse

Il campione d’Europa, Alexander Kristoff, analizza la sconfitta subita nella seconda tappa dell’Abu Dhabi Tour 

Alexander Kristoff
Fabio Ferrari/LaPresse

La seconda tappa, da Yas Island a Yas Beach dell’Abu Dhabi Tour, è stata caratterizzata dal vento che i corridori hanno trovato lungo la strada dei 148 chilometri previsti in programma. Condizioni che hanno fatto esplodere il gruppo a circa a 50 chilometri dall’arrivo per poi ritornare compatto negli ultimi 20 e affrontare la volata finale a ranghi compatti. Vittoria di Elia Viviani (Quick Step) che ha preceduto nell’ordine Danny Van Poppel (Lotto-Jumbo) e Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe). Settimo posto per il campione europeo della UAE Team Emirates Alexander Kristoff. Elia Viviani è anche il nuovo leader della classifica generale. Sul sito della squadra araba, Alexander Kristoff ha analizzato la sua prestazione:

“oggi sono stato sorpreso dal primo ventaglio, ma poi fortunatamente sono riuscito a rientrare sui primi nel finale ho provato a fare la volata, ma le gambe non erano quelle di ieri e non ho sprintato come volevo. Domani ci sarà l’ultima possibilità per noi velocisti e spero di essere nella condizione di dare il massimo, poi mi metterò a disposizione della squadra”.

La terza frazione, da Abu Dhabi a Abu Dhabi-Al Marina, sarà l’ultima occasione per le ruote veloci prima della cronometro individuale, che anticiperà l’arrivo classico sulla montagna di Jabel Hafeet.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE