Cerchiamo di capire perché il settore auto continua ad essere quello più tassato del nostro paese

Quando il Governo pensa a fare cassa, il settore automotive è sempre in cima alla lista come dimostra la pressione fiscale da 73 miliardi di euro che pesa sui 42,8 milioni di veicoli circolanti in Italia. Gli automobilisti sono quindi i contribuenti più tassati nel nostro paese, basti infatti pensare che le tasse sugli immobili raggiungono circa i 40miliardi, poco più della metà.

Sul settore auto pesano principalmente  l’elevato costo del carburante appesantito da tantissime imposte e accise. A questa voce si aggiunge l’IVA applicata sui ricambi, la mano d’opera, i pneumatici e gli accessori vetture, senza dimenticare il costo delle assicurazioni Rc auto e il bollo o tassa di possesso che varia da regione a regione, multe e parcheggi.

Purtroppo gli introiti di queste tasse non vengono utilizzati in quantità sufficienti per promuovere una mobilità sostenibile fatta di incentivi per l’acquisto di auto “green” e per la realizzazione di infrastrutture per la ricarica di vetture elettriche.