Lance Armstrong
LaPresseVincent Curutchet

L’invito di Lance Armstrong al Giro delle Fiandre desta più di una perplessità al presidente dell’UCI David Lappartient

Lance Armstrong è stato invitato da Wouter Vandenhaute, organizzatore del Giro delle Fiandre, in un evento che si terrà qualche giorno prima della corsa. La classica belga è uno degli appuntamenti più attesi della prima parte di stagione, e tutti gli appassionati delle due ruote aspettano questa corsa con grande ansia. La presenza dell’ex atleta texano però ha destabilizzato un po’ l’ambiente del Giro delle FiandreLance Armstrong infatti è stato radiato da qualunque corsa ciclistica a causa del doping utilizzato in tutta la sua carriera. Al Tour de France, per esempio, l’ex ciclista della Discovery Channel è identificato come ‘persona non gradita’. David Lappartient, presidente dell’UCI, non ha intenzione di vedere Lance Armstrong al Giro delle Fiandre, ma Wouter Vandenhaute non sente ragioni, e come riportato su Tuttobici, ha dichiarato:

“ci siamo sentiti al telefono a metà dicembre, mi sembrava giusto informarlo delle nostre intenzioni. Poi mi ha scritto una mail cortese, ma decisa, nella quale ricordava che un corridore radiato non può avere un ruolo attivo in una corsa. Io gli ho educatamente risposto che Armstrong sarà protagonista di un evento collaterale in programma ben prima della Ronde. Armstrong sarà il principale oratore dell’evento che organizzeremo venerdì, 48 ore prima della corsa, e ci è sembrato giusto invitarlo con noi per la domenica. Non seguirà la corsa, non comparirà, non avrà alcuna funzione ufficiale. Ma sarà con noi. Ho parlato con Lance, si è detto stupito del clamore sollevato dal nostro invito, ci ha dato la massima disponibilità per annullare o rivedere il contratto, ma gli ho ribadito che lo aspettiamo e saremo felici di averlo con noi”.