LaPresse/EFE

Stephane Peterhansel ha svelato che per poter continuare la Dakar 2018 ha dovuto prendere dalla macchina di Despres tutti i pezzi che gli servivano

Serviva un colpo di scena per cambiare le carte in tavola e, nella settima tappa della Dakar 2018, quel colpo di scena si è materializzato. Stephane Peterhansel, infatti, deve abbandonare ogni sogno di gloria a causa della rottura di una sospensione, guaio che lo ha costretto a perdere un’ora e quarantacinque minuti nei confronti di Carlos Sainz. Il francese ha centrato una roccia poco prima del WP4 – al chilometro 186 – che ha divelto la sospensione posteriore sinistra della sua Peugeot 3008DKR Maxi. Un danno importante che Peterhansel ha potuto riparare grazie all’intervento di Despres, rimasto in gara solo per aiutare i suoi compagni di squadra come accaduto nella settima tappa:

“Quando è arrivato Cyril non avevamo altra scelta, abbiamo smontato di sana pianta tutto quello che ci serviva e l’abbiamo rimontato sulla nostra DKR3008 e siamo ripartiti. Ormai però tutto è perduto”.