Donadoni non perde mai l’occasione, l’ultima frecciata al Milan: “se mi aspettavo di più? Rispondo così”

L’allenatore del Bologna Roberto Donadoni non perde l’occasione per lanciare una stoccata al Milan, sua ex squadra da calciatore

LaPresse/Mauro Locatelli

“Tutti si aspettavano di più dal Milan. Il loro tasso tecnico comunque è al di sopra della media. Hanno speso tanto e stanno vivendo un momento particolare”. Così il tecnico del Bologna, Roberto Donadoni, uno che il “Diavolo” lo conosce bene per averlo vissuto da giocatore, vincendo tutto quello che c’era da vincere. “Dipenderà molto da noi, da che tipo di impatto avremo sulla partita. Pensiamo a noi, a correre e ad essere intraprendenti e decisi. Allora potrebbe nascere una partita interessante per il Bologna – ha proseguito l’allenatore rossoblù in conferenza stampa -. Mi aspetto che il Milan voglia reagire in modo importante, che ci metta veemenza. Il Bologna deve essere preparato e non farsi sorprendere“. Il tecnico vuole che la sua squadra non si concentri più di tanto dell’avversario, ma su se stessa.

“Il giorno in cui non penseremo più al rivale di turno, ma a quanto possiamo esprimere noi, sarà quello della svolta – spiega -. E’ ora di essere competitivi contro le grandi squadre. Lo siamo già stati ma non è arrivato il risultato: bisogna fare questo passo in più”. Secondo Donadoni una delle stelle della squadra di Gattuso + lo spagnolo Suso. “Rientra nella categoria dei giocatori che fanno la differenza, su di loro bisogna difendere in un certo modo, anche con marcature preventive”. Lui, invece, punterà ancora una volta su Mattia Destro. “Deve dimostrare a se stesso e a noi chi è. Sappia che anche domani ci sarà da soffrire e da sacrificarsi”, ha spiegato Donadoni. (ITALPRESS).