Uber Volvo XC90

Volvo si impegna a fornire a Uber decine di migliaia di vetture compatibili con la tecnologia di guida autonoma fra il 2019 e il 2021

Uber Volvo XC90Volvo Cars, la Casa automobilistica specializzata in vetture di lusso, ha firmato un contratto-quadro con Uber, l’azienda specializzata in servizi di ride sharing, per la vendita a quest’ultima di decine di migliaia di veicoli base compatibili con la tecnologia di guida autonoma fra il 2019 e il 2021. I veicoli base verranno sviluppati utilizzando l’Architettura di Prodotto Scalabile (SPA), completamente modulare, sviluppata internamente da Volvo Cars. La SPA è una delle piattaforme per automobili più avanzate al mondo e viene attualmente utilizzata per i modelli top di gamma della Serie 90 di Volvo Cars, oltre che per il nuovo SUV medio XC60. L’accordo, che non prevede alcuna esclusiva, consolida la partnership strategica fra Volvo Cars e Uber annunciata nell’agosto del 2016 e segna l’inizio di un nuovo capitolo del processo di convergenza fra le Case automobilistiche e le società tecnologiche con sede nella Silicon Valley. Gli ingegneri di Volvo Cars hanno lavorato in stretta collaborazione con gli specialisti di Uber per sviluppare i SUV di lusso XC90 che saranno destinati a Uber. I veicoli base saranno dotati di tutte le tecnologie di sicurezza, la ridondanza e i sistemi basilari di guida autonoma necessari affinché Uber possa aggiungervi la propria tecnologia di guida autonoma. Oltre a fornire a Uber vetture compatibili con la tecnologia di guida autonoma, Volvo utilizzerà lo stesso veicolo base per sviluppare la propria strategia relativa alle auto con guida autonoma, che secondo quanto previsto dovrebbe culminare nel lancio della prima Volvo a guida completamente autonoma nel 2021.