La bimba di 8 anni si trovava sulla pista di Peth in Australia per prendere la licenza Junior che gli avrebbe permesso di partecipare alle corse di dragster

Una bimba di soli 8 anni è morta tragicamente in Australia per inseguire il suo più grande sogno. La piccola Anita stava effettuando delle prove che gli avrebbero permesso di prendere la licenza junior che consente ai bambini tra gli 8 e i 16 anni di gareggiare con i velocissimi dragster.

Purtroppo però, durante un giro in pista Anita si è schiantata contro una barriera di cemento dell’ autodromo di Perth. Nonostante il repentino intervento dei soccorso, le condizioni della piccola sono apparse subito disperate.

A nulla è servita la corse in ospedale, dove poco tempo dopo è stata dichiarata clinicamente morta. La famiglia, gli amici e tutto l’ambiente del motorsport è rimasto terribilmente scosso dall’accaduto, inoltre dopo l’incidente il Governo australiano ha deciso di sospendere ogni tipo di competizione sull’autodromo di Peth in modo da dare l’opportunità alle forze dell’ordine di indagare su quanto accaduto.