LaPresse/Massimo Paolone

Dopo la sconfitta per 3-0 subita contro il Bologna, l’allenatore della Sampdoria sottolinea come nessuno della sua squadra si sia montato la testa

Nessuno si e’ montato la testa. Marco Giampaolo cerca di dare il giusto peso alla sconfitta di Bologna, contro una squadra “aggressiva, molto concentrata. Noi abbiamo lasciato qualcosa per strada negli episodi, siamo stati poco fortunati in alcuni, ma la squadra ha cercato di fare la solita partita, con loro ad aspettarci e sfruttare le situazioni di ripartenza”. Secondo il tecnico della Sampdoria, insomma, niente pancia piena dopo la vittoria sulla Juve. “Ci e’ mancato qualcosa dal punto di vista della precisione, dell’ultimo passaggio, delle riconquiste immediate – ammette ai microfoni di Sky Sport – Il Bologna ha qualita’ davanti e se non avessimo sbagliato qualcosa non l’avremmo persa cosi’ ma non posso rimproverare l’atteggiamento con cui siamo venuti a giocarcela”. Infallibile a Marassi, lontano da casa pero’ la Samp fatica. “Due vittorie, due pari e tre sconfitte restano un buon ruolino – obietta Giampaolo – Se poi si alzano le aspettative, tutto viene visto in maniera diversa. Oggi abbiamo perso meritatamente e rifletteremo su questa sconfitta ma non cancella quello che e’ stato fatto prima”. Il tecnico non se la sente nemmeno di condannare la fase difensiva dei suoi. “Tre gol subiti ci infastidiscono come ci infastidivano i 4 di Udine ma quando chiedi una mentalita’ offensiva qualche rischio in piu’ lo corri. Cerchiamo di mantenere un certo equilibrio, a volte va meglio, ma la squadra produce quello che produce in fase offensiva. Oggi, poi, abbiamo preso il primo gol su una respinta di Viviano, il secondo su una palla inattiva e il terzo in contropiede, sono stati episodi”. (ITALPRESS)