Antonio Conte Chelsea
LaPresse/PA

Fassone e Mirabelli sognano Antonio Conte sulla panchina del Milan, il club rossonero però dovrà prima convincere l’Uefa ad accogliere il voluntary agreement

Antonio Conte
LaPresse/PA

Montella il passato, Gattuso il presente, il futuro potrebbe essere di… Antonio Conte. I contatti sono continui e frequenti, a conferma di come l’infatuazione per l’attuale allenatore del Chelsea sia tutt’altro che infondata. Già prima del rinnovo di Vincenzo Montella sia Fassone che Mirabelli avevano sondato la disponibilità di Conte, incassando un sì striminzito che varrà fino in primavera. Il problema del Milan è che in questa fase deve un po’ vivere alla giornata, dal momento che l’amministratore delegato rossonero è in attesa del responso dell’Uefa sul voluntary agreement. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Conte sarebbe attratto dal progetto presentatogli da Fassone e Mirabelli, ma a preoccuparlo è la situazione societaria, in particolare la possibilità effettiva di fare nuovi investimenti.

LaPresse/Reuters

Una considerazione da fare anche per Carlo Ancelotti, anche lui interessato alla situazione finanziaria futura del Milan. Nella corsa al doppio big potrebbe però spuntarla… Gattuso, nel caso in cui infatti il club rossonero dovesse attenersi ad un minimo indispensabile di spesa, Ringhio sarebbe l’uomo a cui affidarsi nel caso in cui riuscisse a riportare la squadra in Europa. Tutto sarà nelle mani della proprietà cinese, toccherà a Yonghong Li delineare il futuro a medio-lungo termine del Milan.