LaPresse/Reuters

Rafa Nadal mette al sicuro il n°1 del ranking e dà forfait da Parigi Bercy, preservando la sua salute fisica: stessa motivazione per la quale, il tanto criticato Federer, non ha partecipato al torneo

Ieri il dolore durante la partita era forte, ma non mi piace ritirarmi, speravo che migliorasse in seguito, ma devo essere onesto con i miei avversari, con il torneo e con me stesso, non mi vedevo in grado di giocare tre partite qui, e io ero qui per vincere il torneo.”

LaPresse/Reuters

Con queste parole, pronunciate nel corso di una breve conferenza stampa, Rafa Nadal ha annunciato il suo ritiro dal Masters 1000 di Parigi-Bercy. Il tennista spagnolo non riesce più a sopportare il dolore causatogli da un problema al ginocchio, lo stesso che lo ha costretto a ritirarsi da Basilea, e ha preferito scegliere la via della prudenza. Duro colpo per il torneo francese che ha perso la sua stella più luminosa, quella che con Parigi ha una liaison davvero importante (10 Roland Garros). Seconda assenza importante dopo quella di Roger Federer, accolta però in maniera differente.

Ho già parlato con Guy Forget, mi ha detto grazie di averci provato, è un giorno triste.

LaPresse/MAXPPP

Lo stesso Nadal ha infatti spiegato di aver già parlato con il direttore del torneo, Guy Forget, che sembra aver addirittura ringraziato lo spagnolo per ‘averci provato’. Ma come? Se Nadal fa il suo esordio, ottiene la certezza di essere numero 1, gioca un altro match e poi si ritira per preservare la sua salute, privando il torneo dell’unico giocatore che ‘avrebbe fatto sorridere il pubblico’ (parole di Forget), lo si ringrazia, mentre se Federer fa la stessa cosa viene attaccato pubblicamente?!

LaPresse/Reuters

Il tennista svizzero infatti, dopo aver vinto Basilea, ha annunciato di non voler partecipare a Bercy, rinunciando ad inseguire il n°1 (quindi danneggiando se stesso), per non mettere a repentaglio la sua salute, provando a recuperare le energie necessarie per le Finals. Volontà che per altro aveva palesato già in tempi non sospetti, prima dell’inizio della stagione sul rosso e con Wimbledon come obiettivo primario. Forget si era subito scagliato contro Federer, giudicando la sua decisione deludente e poco professionale, seppur uguale nelle motivazioni a quella di Nadal, per il quale non c’è stato alcun teatrino mediatico. Due pesi e due misure: la Francia del tennis strizza l’occhio, ancora una volta, solo a Nadal.