Credits Instagram @MauroSanchini

A Tavullia rivolta contro Valentino Rossi: alcuni abitanti chiedono la chiusura del Ranch del Dottore

Francesco Mercantini

Mentre Valentino Rossi pensa alla stagione 2018 e a risolvere i problemi con la M1, a Tavullia ne sorgono di alcuni altrettanto tosti e fastidiosi: in realtà si tratta di una ‘guerra di paese’ che va avanti da 7 anni, ma solo nei giorni scorsi si è tenuta l’ultima udienza di discussione. Il problema, per gli abitanti di alcune villette collocate in prossimità del Ranch di Valentino Rossi, sarebbe il troppo rumore creato dalle moto quando il pesarese e i giovani dell’Academy si allenano. A far nascere nuove polemiche, in questi giorni, è stata l’installazione di pali di illuminazioni sulla pista. “Ma come, ancora il Tar si deve esprimere e questi ci piantano i pali, hanno già capito che vinceranno?“, si domandano molti abitanti di Tavullia, come riportato da RiminiToday.

Pensa se ora che Valentino è alla fine della carriera, verrà qui più spesso“. questo il timore di uno di coloro che ha fatto ricorso. “Io contro di lui non ho nulla, anzi quando vince sono contenta, ma il rumore dà fastidio, anni fa sono andata anche dal dottore per lo stress, uno viene in campagna per stare in pace e ti arrivano le moto“, ha aggiunto un altro ricorrente. Mentre c’è chi pensa che vengano fatti favoritismi solo perchè si tratta di Valentino Rossi: “ma voi pensate che se un qualsiasi privato, che non rimandasse al nome di Valentino, avesse voluto fare una cosa del genere, gliel’avrebbero fatta fare, qui?

Una diatriba che presto potrebbe volgere al termine: ancora non è noto l’esito finale, per la decisione definitiva del Tar bisognerà attendere probabilmente il nuovo anno, o comunque la fine del 2017. Intanto Valentino Rossi cerca di distrarsi facendo ciò che più ama e cercando di risolvere altri tipi di problemi.